JSONP e jQuery: conosciamoli meglio

Negli ultimi anni il formato JSON si sta conquistando la simpatia di tutti: si legge bene, non è verboso (quindi leggero), e va a braccetto con JavaScript. Molte delle API web che si trovano in giro per interagire con i social netword per esempio, utilizzano questo formato di scambio dati. Meno nota, o confusa con esso, è invece la notazione JSONP (che sta per JavaScript Object Notation with Padding) che spesso usiamo forse inavvertitamente se lavoriamo per esempio con le API di Twitter o Facebook. Ma che significa? Perché mi dovrebbe interessare la differenza?...
Continue reading...

Ajax e JSON con JSF2

JSF2 ha imparato molto dall’esperienza della versione precedente e dai framework che gli ruotavano attorno a tal punto da averne integrati alcuni. Un esempio è Facelets, ma sicuramente quella più utile è stata l’integrazione nativa con Ajax, prendendo spunto da Ajax4JSF (a4j), confluito in RichFaces da molti anni ormai. Una cosa però manca all’implementazione nativa di JSF2, ovvero l’attributo data...
Continue reading...

Guida jQuery UI – Parte I

In questa guida esploreremo il progetto jQuery UI, una libreria open-source di plug-in basata su jQuery e che ne ampia le funzionalità.  jQuery UI fornisce infatti una serie di  caratteristiche (interazioni ed animazioni, effetti avanzati e widgets) che porta in dote alla libreria principale. Infatti lo scopo di questo framework è  di “estendere” jQuery, dotandola di ulteriori strumenti, utili soprattutto per la costruzione e la gestione delle interfacce utente....
Continue reading...

Creare un backoffice in 5 minuti con OpenXava parte I

Da un po’ di tempo si parla di framework che permettono di creare interfacce grafiche partendo dal proprio modello dei dati o da una sua rappresentazione. Il termine scaffolding indica proprio questo: generare codice (che di solito permette di eseguire operazioni crud su entità) con un tool automatico invece di scriverlo a mano. Lo scaffolding è stato reso popolare da Ruby On Rails ed è attualmente presente in molti framework in diversi linguaggi di programmazione, per esempio è supportato da Django in Python, CakePhp e Symfony in php e Grails in Groovy. Ovviamente esiste qualcosa anche in Java: un esempio è Spring Roo e un altro che vedremo in dettaglio in questo articolo è OpenXava....
Continue reading...

JQuery: AJAX sì, fatica no!

Come dovreste ben sapere cari lettori di CoseNonJaviste, AJAX è l’acronimo di Asynchronous JavaScript and XML ed è ad oggi la tecnica più utilizzata per sviluppare applicazioni web intereattive, altrimenti dette RIA (Rich Internet Application). Il concetto che sta alla base di una chiamata AJAX è quello di poter scambiare dati tra client e server senza ricaricare la pagina: lo scambio avviene in background tramite una chiamata asincrona dei dati di solito utilizzando l’oggetto XMLHttpRequest. E questo scambio di dati è realizzato, come si può intuire dall’acronimo, mediante funzioni scritte con il linguaggio JavaScript....
Continue reading...

jQuery Tutorial – Parte I

jQuery è un framework Javascript che nasce, originariamente, nella scia di Prototype, uno dei primi framework JavaScript per lo sviluppo di applicazioni Web 2.0 e in breve tempo è diventato il più utilizzato e diffuso tra i webmaster di tutto il mondo. Scopriamo assieme perché?...
Continue reading...

Indicatori di caricamento con RichFaces 4 e jQuery BlockUI

La novità più importante di RichFaces 4 è stata sicuramente il passaggio da prototype a jQuery, questo cambiamento ha portato una maggiore leggerezza di tutto il framework e molti altri vantaggi. Per sviluppatori si aprono molti scenari interessanti in quanto i numerosi plugin di jQuery già sviluppati possono essere integrati facilmente in una web app. In questo post vediamo come sfruttare jQuery BlockUI per creare facilmente un indicatore di caricamento associato a una chiamata ajax....
Continue reading...