LambdaCon visto da noi ovvero commenti non richiesti su un’ottima conferenza

LambdaCon visto da noi ovvero commenti non richiesti su un’ottima conferenza

LambdaCon: 280 persone, 6 track parallele e 10 linguaggi funzionali per la prima volta tutti sotto lo stesso tetto, cioè quello dell’università di Bologna, sabato scorso 28 marzo. Senza arrivare in fondo per raccontarvi le nostre conclusioni possiamo dire che un evento così bello non ce lo aspettavamo, e ora vi diciamo il perché.

Innanzitutto è stata una sorpresa il fatto che un argomento in apparenza così di nicchia abbia suscitato tanta curiosità e interesse; il numero di partecipanti da solo basta a confermarlo e ci è anche piaciuta la varietà di argomenti a disposizione: è bello poter scegliere tra tanti talk e vedere qualcosa di diverso dal solito come realizzare il videogioco Snake in 10 minuti con Elm.

LambdaCon keynote

Tutti i talk della giornata sono stati tenuti in inglese, comprese le sessioni di domande e risposte. Questa scelta ci è parsa, tra quelle di LambdaCon, la più azzeccata: abbiamo finalmente in Italia una conferenza che vuole avere un respiro internazionale, sia per quanto riguarda gli speaker che per quanto attiene ai partecipanti.

Come giustamente sottolineato in chiusura, l’enfasi dei talk è sempre stata su ciò che interessa agli sviluppatori: il codice e come scriverlo meglio con il paradigma funzionale. Quindi talk concreti che hanno suscitato sempre un discreto numero di domande in chiusura.

functional programming is awesome

Noi siamo rimasti molto contenti della nostra “giornata funzionale”. Anche se alle prime esperienze da organizzatori, i ragazzi di CoderTug hanno davvero dato il meglio per qualità degli speaker e degli argomenti, puntualità nella tabella di marcia (non facile da fare su sei sale) e.., apprezzatissimo da tutti, scelta del catering 🙂 .

Ringraziamo quindi tutti quelli che hanno lavorato per la buona riuscita di LambdaCon e vi diamo appuntamento per l’edizione 2016!

Andrea, Arash, Fabio, Francesco e Giampaolo

Le slide e gli esempi dell’evento sono già disponibili su GitHub e a breve verranno pubblicati le registrazioni dei talk.

akka streams

Giampaolo Trapasso

Sono laureato in Informatica e attualmente lavoro come Software Engineer in Databiz Srl. Mi diverto a programmare usando Java e Scala, Akka, RxJava e Cassandra. Qui mio modesto contributo su StackOverflow e il mio account su GitHub