Java 8: gli stream infiniti

Una delle nuove feature più importanti introdotte in Java 8 è senza dubbio il concetto di stream. Ne abbiamo già parlato in un post introduttivo, vediamo adesso come creare e utilizzare stream infiniti. Prima di questo vedremo con alcuni esempi il comportamento interno degli stream. Capire il comportamento interno è importante per sfruttare al massimo questa nuova feature che cambierà il modo di scrivere codice in Java.

Creare un backoffice in 5 minuti con OpenXava parte I

Da un po’ di tempo si parla di framework che permettono di creare interfacce grafiche partendo dal proprio modello dei dati o da una sua rappresentazione. Il termine scaffolding indica proprio questo: generare codice (che di solito permette di eseguire operazioni crud su entità) con un tool automatico invece di scriverlo a mano. Lo scaffolding è stato reso popolare da Ruby On Rails ed è attualmente presente in molti framework in diversi linguaggi di programmazione, per esempio è supportato da Django in Python, CakePhp e Symfony in php e Grails in Groovy. Ovviamente esiste qualcosa anche in Java: un esempio è Spring Roo e un altro che vedremo in dettaglio in questo articolo è OpenXava.