EJB, JPA, eccezioni, JTA e Resource Local: facciamo un po’ di chiarezza – Parte 2

Nel post precedente abbiamo affrontato EJB, JPA e JTA nel loro utilizzo più frequente (e più semplice). Vediamo adesso di capire cosa possiamo fare quando rinunciamo all’EntityManager a favore dell’EntityManagerFactory. Perché scendere di un livello e avere più controllo? In un contesto Java EE magari non è molto utile perché complica il codice, ma è bene sapere cosa si può...
Continue reading...

Il Pattern Decorator e Java EE 6: quando il vecchio si fa nuovo con CDI

Per chi è cresciuto a pane e GoF non sarà certo la prima volta che sente parlare del Pattern Decorator. In due parole, questo pattern permette di aggiungere in modo modulare funzionalità, a compile-time, ai metodi di una classe esistente, mantenendone l’interfaccia intatta. L’aggiunta o la rimozione di queste funzionalità risulta quindi totalmente trasparente all’utilizzatore. Nel contesto attuale dello sviluppo Java, sempre più governato da “container” che risolvono automaticamente le dipendenze, implementare questo pattern poteva non essere banale fino a ieri. La nuova specifica Context and Dependancy Injection (CDI) introdotta in Java EE 6 invece supporta nativamente i decoratori: vediamo come....
Continue reading...

JBoss e Web Services REST? Ci pensa RESTEasy!

Per scrivere Servizi Web RESTful in Java esistono già diversi strumenti che permettono di facilitare la realizzazione sia della parte producer che di quella consumer, come Jersey, RESTEasy o Restlet. Tutti implementano la specifica JAX-RS, che estendono con API che facilitano la realizzazione della parte client per esempio, non coperte da specifica. Inoltre, il primo è integrato nativamente da Glassfish 3, mentre il secondo da JBoss 6, anche se possono essere tranquillamente usati in qualsiasi Servlet Container, come Tomcat....
Continue reading...

Chiamate Asincrone con EJB3

Il web è sempre più veloce, o per lo meno deve dare questa percezione a chi lo usa: creare interfacce responsive al pari di quelle desktop è la sfida vinta col massiccio uso di chiamate ajax che introducono i concetti di “render parziale” della pagina e “chiamate asincrone” rispetto al caricamento dell’intera pagina. Il concetto di asincrono lato server invece non è mai stato nuovo: riuscire ad inviare una richiesta che verrà soddisfatta in un secondo momento permette di distribuire il carico computazione sul server nel tempo e soprattutto generare risposte veloci verso il client anche quando si richiedono operazioni onerose. La piattaforma Java Enterprise fornisce da tempo soluzioni architetturali o meno che permettono di raggiungere questo scopo. Dalla versione EJB 3.1 poi, è stato introdotto il concetto di EJB Asincrono che semplifica notevolmente le cose....
Continue reading...