EJB3 Stateless vs Stateful, quale è la differenza?

La risposta alla domanda “quale è la differenza fra ejb stateful e stateless?” sembra evidente: gli stateful mantengono lo stato e possono essere usati per il classico carrello della spesa mentre gli stateless non avendo uno stato possono essere usati per implementare dei servizi. Ma siamo sicuri che la risposta è così semplice? Per quanto viene mantenuto lo stato di un ejb stateful? Per la durata della sessione web? Proviamo a fare un po’ di chiarezza in questo post....
Continue reading...

L’alternativa a Java EE: come implementare lo stack JSF+Spring+Hibernate con Java SE e Tomcat – Parte II

Nella prima parte di questo post abbiamo presentato una configurazione alternativa e ben collaudata all’architettura Java Enterprise, senza però rinunciare ad alcune delle sue peculiarità. Una volta configurato l’ambiente come descritto nel primo post, vedremo adesso come è possibile integrare e far interagire a runtime in modo molto semplice JSF 2, Spring 3 e Hibernate 3.5....
Continue reading...

L’alternativa a Java EE: come implementare lo stack JSF+Spring+Hibernate con Java SE e Tomcat – Parte I

La specifica Java EE 5 ha fatto grandi passi avanti rispetto alla versione precedente: adesso anche per noi comuni mortali è possibile usare gli Enterprise Java Beans (EJB) senza perdersi nella giungla di interfacce da implementare. Per poter usare questi strumenti potenti abbiamo però bisogno di una infrastruttura altrettanto potente, ovvero un Application Server (come JBoss, Glassfish o WebSphere) che implementa la specifica Java Enterprise. A seconda dei progetti, capita a volte di percepire questi strumenti come dei veri e propri “carrozzoni”, come se si volesse per forza usare un bazooka per schiacciare una formica. Abbiamo davvero bisogno sempre e comunque di un bazooka? Se il nostro target è la formica forse il gioco non vale la candela. In questo post vedremo come prendere in prestito quel che veramente ci serve del mondo Enterprise e riportarlo in un contesto più agile grazie al buon vecchio Tomcat....
Continue reading...